Il Caratteraccio italiano di Vittorio Zucconi

Un carattere tutto italiano quello di Vittorio Zucconi, spregiudicato anche nel titolo del suo ultimo libro:  “Il Caratteraccio. Come (non) si diventa italiani”. L’idea è nata dopo un ciclo di lezioni tenute in una università del Vermont ad un gruppo di studenti americani innamorati dell’Italia.

La tesi del libro, che tratta dei vizi e delle virtù degli italiani di ieri e di oggi, si può sintetizzare in questa frase: «lo scandalo è il solo motore dei cambiamenti, nel campionato di calcio come nel campionato delle poltrone, in una società tradizionalista e profondamente conservatrice come la nostra, impregnata da secoli di asfissiante e marmorea ortodossia controriformista un conformismo assorbito e incorporato gelosamente dal centralismo dogmatico del movimento comunista prima e poi dal partito ‘privato’ di Berlusconi».

Gli argomenti trattati vanno dal caso Montesi a quello della escort D’Addario e secondo il giornalista l’Italia è una democrazia inconsistente che ha bisogno dello scandalo per dare l’impressione di essere viva.

Il testo narra di come gli italiani abbiano il “caratteraccio” e di come in questo terreno tanto fertile siano nati miti contemporanei come Silvio Berlusconi.

Ma il saggio non è vuole denigrare la peculiarità degli italiani. Il caratteraccio è anche sinonimo di latin lover, la cui creatività lo porta a cavarsela in ogni situazione.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Libri e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...