An education di Nick Hornby

Candidato agli Oscar come miglior film, An education ha come sceneggiatore l’autore di Alta fedeltà, Nick Hornby.
Il film, uscito nelle sale italiane il 22 gennaio,  ha collezionato anche la nomination per la migliore interpretazione femminile, ma soprattutto, e qui si vede l’importanza di Hornby, per la migliore sceneggiatura non origionale.

La storia narra l’educazione sentimentale, negli anni sessanta, di una sedicenne inglese, studiosa e intelligente, che si innamora di un uomo molto più grande di lui, un affascinante trentenne.

Hornby ha dichiarato che questa sceneggiatura è molto più importante di qualsiasi altro suo libro e che scrivere An education è stato ritrovare se stesso.

Il libro, edito da Guanda e uscito in questi giorni nelle librerie, è già in cima alle classifiche.

“An education” di Nick Hornby”
Pagine 171 – euro 12,00 Guanda

Via | Il Sole 24 Ore

Foto | Guanda

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Libri, News e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a An education di Nick Hornby

  1. pamarasca ha detto:

    E’ interessante osservare negli ultimi tempi le trasformazioni del rapporto libro-film. L’editore Fazi ha scritto un romanzo (come autore) su Keats e lo ha intitolato in maniera estremamente simile al film sul poeta di Jane Campion… tanto che, ad un’occhiata fugace, sembra che il film sia figlio del libro. Manovra audace e commerciale che, se non ammirassi le edizioni Fazi così tanto, mi farebbe pensare chiaramente ad una malafede.
    Hornby, a quanto ho capito, dopo aver scritto sostanzialmente libri nati per diventare film, finisce per spingerli alla coabitazione. Il suo spazio di scrittura ha 2 coinquilini: la sceneggiatura e il romanzo.
    E’ davvero interessante: molti anni fa, uno studente delle medie chiese alla sua insegnante, mia madre, “c’è un altro libro tratto da un film?” e quella si mise le mani nei capelli. Oggi, senza “vedere” almeno nella nostra mente le scene, difficilmente riusciremmo a scriverle.

    scusa l’intrusione e la lunghezza del commento, è stato come pensare ad alta voce :)

    paolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...